Nez à nez

Base Immagine Cyrano

L’opera teatrale Cyrano de Bergerac ha avuto un grande successo quando è stata creata e rappresentata nel 1897. Ancora oggi, questa opera è rappresentata con lo stesso successo di allora.
Numerosi sono gli adattamenti cinematografici che hanno, come è avvenuto al teatro, affascinato gli spettatori. Allora perché non presentarla agli alunni all’inizio dell’anno scolastico e pensare ad una rappresentazione teatrale?
« Il y a beaucoup de gens dont la facilité de parler ne vient que de l'impuissance de se taire. »

Obiettivi
Saper

  • analizzare un atto di un’opera teatrale ; 
  • redigere un commentaire;
  • redigere un monologo ;
  • drammatizzare un monologo.

Livello linguistico:B1 QCER

Tempo: 3 lezioni

Sequenze didattiche

Prima lezione (4 ore)
Il professore annuncia l’obiettivo del percoso: analizzare l’estratto (acte II, scène 9) dell’opera teatrale Cyrano de Bergerac scritta da Edmond Rostand e pensare ad una possibile rappresentazione teatrale.
Il professore mostra alla LIM una breve biografia di Edmond Rostand (annexe 1) e un riassunto dell’opera Cyrano de Bergerac (annexe 2).
Dopo questa breve presentazione, divide la classe in gruppi dando loro una fotocopia del testo tratto dall’ acte II scène 9 di Cyrano de Bergerac (annexe 3). Gli alunni, lavorando in gruppo, dovranno leggere il testo e rispondere alle domande.
Dopo questa attività, durante una plenaria, ogni gruppo presenta le risposte alla classe. Ogni alunno prende degli appunti perchè come compito a casa dovrà redigere un commentaire (annexe 4).

Seconda lezione (1 ora)
Durante la seconda lezione, il professore fa leggere qualche commentaire. Quindi ritira tutti gli elaborati che saranno corretti e resi la volta seguente.

Terza lezione (2 ore circa)
Per valutare la produzione orale, il professore mostra una foto di un uomo. Forma quindi delle coppie e chiede ad ogni coppia di scrivere un monologo (annexe 5) che sarà drammatizzato davanti ai compagni di classe.

Scarica gli annexe

Scarica le soluzioni 

Scritto da Anna Maria Crimi

Tag

Archivio