Les cloches de Pâques passent

Base COPERTINA

In origine, Pasqua era una festa pagana destinata a celebrare il ritorno della primavera. Oggi, secondo le credenze e le tradizioni nei vari paesi, la festa celebra la resurrezione di Gesù, la liberazione del popolo Ebreo o la gioia di rivedere la primavera. Per i professori di FLE, Pasqua diventa un momento per attività azionali e di Langue – Culture, utilizzando documenti scritti e giochi linguistici. I giochi linguistici proposti possono essere utilizzati anche nel caso di percorsi didattici che si riferiscono ad altre feste francofone.

Obiettivi
Saper

  • riconoscere le tradizioni francesi e francofoni;
  • interagire con i compagni in francese; 
  • utilizzare il lessico dei paesi e delle nazionalità;
  • utilizzare il lessico dei colori e degli alimenti;
  • utilizzare l’imperativo; 
  • ripetere brevi poesie; 
  • inventare degli indovinelli o delle sciarade; 
  • comprendere delle espressioni idiomatiche;
  • comprendere testi scritti.

Livello linguistico:
Livello A2 QCER

Tempo: 3 lezioni di 2 ore ciascuna e 1 di 1/2 ora

Tappe

Prima lezione 
La prima lezione comincia con alcune foto che il professore mostra alla LIM per suscitare l’interesse degli alunni (annexe1). Si tratta di un’attività di brainstorming con domande. Il professore scrive le risposte alla LIM.
Dopo questa fase, egli spiega l’obiettivo del percorso. Si tratta di presentare le tradizioni di Pasqua grazie a testi scritti e a giochi linguistici. Precisa anche che il percorso linguistico che propone, permette di sviluppare le abilità di comprensione scritta, di interazione e di produzione orale e che si concluderà con una “Caccia all’uovo”.
Non dà altre spiegazioni perché saranno gli alunni stessi che scopriranno di cosa si tratta.

Utilizzando l’apprendimento cooperativo, propone agli alunni di lavorare in gruppo su un tema e su un progetto comune.
L’apprendimento cooperativo tra alunni di livello linguistico, anche eterogeneo, e compiti linguistici adatti, permetteranno di acquisire conoscenze della Langue- Culture in un clima di apprendimento di fiducia. Il professore divide la classe in gruppi e ad ogni gruppo darà la copia di un testo con un compito linguistico: comprendere il testo scritto e proporre delle attività ludiche ai compagni della classe (annexe 2). Ogni gruppo dovrà, quindi, leggere il testo, rispondere a delle domande che permettono di rafforzare l’abilità di lettura. Essi dovranno pure inventare alcuni giochi linguistici.
Durante il lavoro di comprensione e di produzione, egli passa tra i banchi, sorveglia, interviene per aiutare gli alunni e corregge i giochi linguistici.
Dopo questa fase, una lezione in plenaria permetterà la condivisione delle conoscenze e delle competenze.
In questo modo prima della “Caccia all’uovo”, tutti conosceranno l’origine della festa di Pasqua e le tradizioni legate a questa festa.

Seconda lezione

Class Schoolboy Presentation Easter Chocolate Eggs Campus 652051732

Dopo le attività precedenti, il professore organizza una lezione in plenaria. Ogni gruppo dovrà riassumere il testo ai compagni che dovranno prendere appunti. Durante questa lezione gli alunni si autovaluteranno e saranno valutati dal professore e dagli altri alunni.
Il professore precisa inoltre, che i giochi non dovranno essere presentati perché saranno utilizzati durante la “Caccia all’uovo”.

Terza lezione

Easter Chocolate Eggs Campus 47899387

La “Caccia all’uovo” è una tradizione che può essere utilizzata per verificare le conoscenze acquisite durante le lezioni e soprattutto permetterà agli alunni di lavorare ad un compito di realtà.
Il professore porta in classe alcune uova di cartapesta o di plastica. In ogni uovo nasconderà i giochi che sono stati inventati dai vari gruppi di alunni.
Le uova saranno messe in un paniere e offerte agli alunni che, questa volta, dovranno lavorare/giocare in coppia. Ogni coppia dovrà scegliere un uovo, aprirlo e rispondere alle domande, risolvere gli indovinelli, le sciarade, ….(annexe 3)
La ricompensa sarà un buon voto oppure delle uova di cioccolato. Si tratta di un modo ludico per valutare il lavoro di produzione fatto dagli alunni.

SOLUZIONI

Soluzioni

 

 

 

Scritto da Anna Maria Crimi

Archivio